Vi invitiamo ad aggiornare il vostro browser.

Il suo Browser non supporta gli attuali standard del web. Per questo motivo si possono verificare degli errori di visualizzazione e dei comportamenti inattesi di questo sito. Per utilizzare questo sito senza problemi le consigliamo ai attualizzare il suo browser.

Vi invitiamo ad aggiornare il vostro browser.

Il suo Browser non supporta gli attuali standard del web. Per questo motivo si possono verificare degli errori di visualizzazione e dei comportamenti inattesi di questo sito. Per utilizzare questo sito senza problemi le consigliamo ai attualizzare il suo browser.

I LED negli apparecchi ERCO
La fabbrica della luce

I LED negli apparecchi ERCO

 

Scarica queste informazioni in formato pdf

Di norma ERCO utilizza per l’intero programma di prodotti gli stessi LED ad alta potenza. Per l’utente ne deriva l’enorme vantaggio che la qualità della luce si mantiene sempre allo stesso elevato livello e che gli apparecchi con uguale tonalità di luce possono essere combinati a piacere tra loro.

Temperatura colore 3000K (ww) e 4000K (nw)
Efficienza luminosa ww: 105lm/W
(modulo a 700mA e Ts 25°) nw: 138lm/W
Tolleranza cromatica 2SDCM
Resa cromatica ww: CRI≥90 nw: CRI≥80
Mantenimento del flusso luminoso L90/B10 fina a 50.000 ore
Tasso di guasto (media statistica) 0,1% fino a 50.000 ore
Tensione d’esercizio 350 – 1050mA

I LED negli apparecchi ERCO

Efficienza luminosa

I LED di ERCO, grazie alla loro alta efficienza luminosa, pari fino a 138lm/W, mettono gli altri tipi di lampada in ombra e fanno parte del meglio che può offrire il mercato. I vantaggi diventano particolarmente evidenti nel confronto con le lampade convenzionali.

I LED negli apparecchi ERCO

Moduli LED

Nel catalogo i sistemi di apparecchi di ERCO sono distinti in base alla potenza dei loro moduli LED. Considerare separatamente il flusso luminoso del modulo, quello dell’apparecchio e la potenza allacciata consente una migliore valutazione dell’efficienza illuminotecnica ed energetica. A tal fine nel catalogo e nelle schede tecniche, oltre ai valori per il modulo, si indicano separatamente anche i dati sulla potenza dell’apparecchio nel suo complesso.

I LED negli apparecchi ERCO

Selezione dei LED

Come per tutti i prodotti semiconduttori, anche nella produzione dei LED bianchi si hanno determinate tolleranze. Queste tolleranze si manifestano tra l’altro negli scostamenti del punto cromatico, nel mantenimento del flusso luminoso e nella tensione secondaria. ERCO utilizza tutti questi criteri nella selezione dei LED, mettendo quindi a disposizione del cliente la migliore qualità esistente

I LED negli apparecchi ERCO

Tolleranza cromatica (scostamento del punto cromatico)

I LED ad alta potenza utilizzati da ERCO presentano una tolleranza cromatica di 2 SDCM. Ciò corrisponde al massimo standard attualmente disponibile sul mercato. I LED ad alta potenza sono quindi predestinati all’impiego nei settori dei musei, dei negozi, degli uffici e delle architetture dei grandi spazi.Il valore SDCM (Standard Deviation of Colour Matching) serve a qualificare un LED dal punto di vista della tolleranza cromatica (scostamento del punto cromatico). Il valore si basa su di una ricerca dell’ingegnere americano David MacAdam e descrive la misura dello scostamento da un dato punto cromatico nello spazio cromatico CIE. Le coordinate di tutti i colori percepiti come identici si trovano secondo MacAdam all’interno di un’ellisse attorno al punto colore originale. Inserendo altre ellissi di grandezze crescenti si è sviluppato un sistema di classificazione delle tolleranze cromatiche massimali per le sorgenti luminose. Talvolta esse sono chiamate «ellissi di MacAdam» di un determinato livello, ma ormai si è affermato l’acronimo SDCM. Maggiore è il valore SDCM, maggiore è il possibile scostamento del colore della luce delle coordinate cromatiche specificate nei dati tecnici della sorgente luminosa. Attualmente sul mercato si trovano di solito valori pari a 3 SDCM o maggiori.

I LED negli apparecchi ERCO

Spettro

I LED negli apparecchi ERCO presentano uno spettro continuo e quindi offrono per il colore bianco neutro (nw, 4000K) una buona resa cromatica e per il colore bianco caldo (ww, 3000K) una resa cromatica molto buona. I LED praticamente non emettono radiazioni UV e IR ed hanno un fattore di danneggiamento ridotto. Per questo sono particolarmente adatti anche per l’illuminazione di oggetti delicati e preziosi.

I LED negli apparecchi ERCO

Fattore di danneggiamento

Il fattore di danneggiamento relativo serve a valutare se le sorgenti luminose siano adatte alle esigenze di conservazione degli oggetti illuminati, ad esempio nei musei. Esso descrive il rapporto tra le intensità delle radiazioni dannose e l’intensità luminosa. L’illumina-zione con i LED bianco caldi è più adatta agli oggetti delicati delle lampade alogene a bassa tensione, con o senza filtri UV.

Sorgente luminosa Fattore di danneggiamento f (mW/lm)
LED bianco caldo, Ra 90 0.149
QT12-RE con filtro UV 0.159
QT12-RE 0.169
HIT 930 0.182

I LED negli apparecchi ERCO

Colori di riferimento Ra (CRI)

Valutazione della resa cromatica mediante l’indice Ra (CRI)

La resa cromatica indica la capacità di una lampada di far percepire i colori il più fedelmente possibile. Uno dei metodi per rendere misurabile la qualità della resa cromatica e per esprimerla nel modo più obbiettivo possibile è quello del cosiddetto Indice di Resa Cromatica CRI (Color Rendering Index), conosciuto in alcuni paesi europei anche con R a . Per la sua rilevazione si esegue un confronto matematico tra la lampada da valutare ed una sorgente luminosa di riferimento della stessa temperatura colore. Un indice di resa cromatica tra 90 e 100 è considerato molto buono ed un valore tra 80 e 90 è considerato buono. Tra gli specialisti il metodo CRI è ormai contestato e può essere utilizzato solo per una prima valutazione della lampada. Per confrontare più lampade tra loro si consiglia in ogni caso una valutazione visiva.

I LED negli apparecchi ERCO

Colori di riferimento TM-30

Valutazione della resa cromatica mediante l’indice TM-30

In alternativa alla procedura Ra /CRI, l’indice TM-30 definisce i valori senza unità di misura Rf ed Rg. Questi si riferiscono alla similitudine tra la sorgente luminosa testata ed uno spettro di riferimento in relazione alla fedeltà cromatica (Rf - fidelity) ed alla saturazione (Rg - gamut). La sorgente luminosa di riferimento è quella di un «corpo nero» o di una sorgente luminosa standard CIE-D. Rf ed Rg analizzano la resa cromatica di una sorgente luminosa sulla base di 99 tonalità cromatiche rappresentative che comprendono sia tonalità con colori pastello che saturi. Il migliore valore di Rf è 100, e Rfe Ra non sono identici.Rg descrive la saturazione dei colori e può superare il valore 100, ma questo in sé non è un criterio di qualità. Combinati tra loro, Rf ed Rg consentono di definire in modo differenziato la resa cromatica di una sorgente luminosa. Il grafico cromatico vettoriale indica lo scostamento tra la sorgente luminosa testata e la sorgente luminosa di riferimento.

Diagrammi per la procedura TM-30

I LED negli apparecchi ERCO

Rapporto Rf-Rg

I LED negli apparecchi ERCO

Grafico cromatico vettoriale

ERCO LED 3000K

Rf 90
Rg 99
Ra/CRI ≥90

I LED negli apparecchi ERCO

Rapporto Rf - Rg

I LED negli apparecchi ERCO

Grafico cromatico vettoriale

ERCO LED 4000K

Rf 81
Rg 96
Ra/CRI ≥80

I LED negli apparecchi ERCO

Durata

I LED hanno una percentuale di guasto molto ridotta e quindi emettono la luce per un periodo di tempo estremamente lungo. Fino a 50.000 ore la quota di guasti dei LED ad alta potenza utilizzati da ERCO ammonta in media a meno dello 0,1%. Al contrario degli altri comuni tipi di lampade, per le quali si ha una percentuale di guasto del 50%, per i LED l’espressione «durata utile» non è molto adatta per la progettazione.

Mantenimento del flusso luminoso

I LED negli apparecchi ERCO

LED comuni sul mercato

I LED negli apparecchi ERCO

ERCO LED

Il confronto della riduzione del flusso luminoso dopo 50.000 ore di esercizio tra un LED reperibile sul mercato ed un LED ad alta potenza di ERCO mostra l’efficienza decisamente superiore dei LED di ERCO.

Come per le altre lampade, però, anche il flusso luminoso generato dai LED col tempo si riduce, cosicché ad un certo punto le intensità luminose previste nel progetto originario non possono essere più raggiunte. L’affidabilità e l’efficienza dei LED dipendono in modo determinante dalle condizioni d’impiego. Per questo gli apparecchi ERCO sono stati concepiti in modo che, se utilizzati correttamente, rimangano sempre al di sotto delle temperature critiche e consentano quindi di mantenere un flusso luminoso massimale per un lungo periodo di tempo.Siccome un guasto totale di un LED si verifica solo raramente, i LED sono meglio caratterizzati dal mantenimento del flusso luminoso in un dato periodo di tempo. Come valore standard si è soliti indicare il periodo di tempo dopo il quale il flusso luminoso di una data percentuale dei LED utilizzati si è ridotto al 70, 80 o al 90% del suo valore iniziale.
Lo standard sul mercato è attualmente l’utilizzo di LED con specifiche L70/B50 50.000h, ossia dopo 50.000 ore solo il 50% di LED utilizzati irradia ancora il 70% del flusso luminoso iniziale.

Valori L e B
Il valore L descrive la percentuale del flusso luminoso di un LED che viene ancora emessa dopo il periodo di tempo indicato. Se non è indicato nessun valore per B, significa che il valore è B50.Il valore B per definizione non dice niente sul guasto totale di un LED. Esso indica la percentuale dei LED che alla fine della durata indicata scende sotto il valore L.

Durata del funzionamento
Come riferimento della durata del funzionamento si fornisce sempre assieme ai valori L e B. I LED di ERCO sono misurati con la procedura LM-80 per almeno 8334 ore e sono calcolati con la proce dura TM-21 per 50.000 ore. La durata del funzionamento può essere calcolata al massimo come il sestuplo del tempo effettivamente misurato.

LED utilizzati da ERCO
ERCO utilizza LED ad alta potenza con specifica L90/B10 50.000h, quindi fino a 50.000 ore almeno il 90% dei LED irradia almeno il 90% del flusso luminoso iniziale. Il restante 10% dei LED non si spegne ma continua ad emettere fino all’89% del loro flusso luminoso iniziale.

I LED negli apparecchi ERCO

Tensione secondaria

La tensione secondaria varia per i LED dello stesso tipo in funzione dei fattori di produzione. Essa indica la tensione che durante l’utilizzo ricade sul LED e che, per così dire, viene «consumata». Assieme alla tensione d’esercizio costante, la tensione secondaria definisce la potenza assorbita di un apparecchio per LED in base alla semplice formula Tensione (Volt) x Corrente (Ampere) = Potenza (Watt). Se quindi la tensione secondaria variasse da un LED all’altro, anche il fabbisogno energetico varierebbe da un apparecchio dello stesso tipo all’altro. Solo con l’utilizzo di LED selezionati anche dal punto di vista della loro tensione secondaria si può garantire un consumo energetico unitario per apparecchi di uguale costruzione. Essendo ERCO uno dei pochi produttori di apparecchi di illuminazione che ha fatto della costanza della tensione secondaria uno dei suoi criteri di selezione dei LED, il cliente ha la garanzia che gli apparecchi selezionati presentino effettivamente il fabbisogno energetico indicato nelle specifiche.

I LED negli apparecchi ERCO

Versione

Lo sviluppo dei LED e della componentistica procede continuamente. Per poter identificare in maniera univoca quali LED e quale componentistica è montata in un apparecchio, ERCO utilizza oltre al numero dell’articolo anche un codice della versione che viene riportato sui diversi apparecchi. Ciò vale esclusivamente all’interno di una famiglia di apparecchi e non si riferisce alla generazione dei LED, quindi gli apparecchi di diverse famiglie di prodotti possono utilizzare la stessa generazione di LED nonostante abbiano dei numeri di versione diversi. Per l’utente il numero di versione è soprattutto importante per un riordino dell’apparecchio e in tale circostanza deve essere sempre indicato. Nel corso di un anno di produzione ERCO utilizza sempre i LED dell’ultima generazione per tutti gli apparecchi per luce bianca calda o bianca neutra.

I LED negli apparecchi ERCO

Avvertenze sui LED ad alta potenza

In base al processo di realizzazione dei LED, i valori tipici indicati dei para metri dei LED rappresentano solo delle grandezze statistiche. Sono possibili degli scostamenti negli ordini di grandezza tipici per i LED. La durata utile di un LED dipende in modo determinante dalle temperature ambientali. Gli apparecchi non andrebbero montati in prossimità di altre fonti di calore, quali ad esempio i tubi di riscaldamento, ecc. Evitare inoltre di azionare gli apparecchi quando esposti ai raggi solari diretti. Gli apparecchi ERCO sono progettati, costruiti e collaudati rispettando le normative e le prescrizioni tecniche vigenti. Come previsto dalla norma IEC 60598, i controlli tecnici sono eseguiti ad una temperatura ambiente di 25°C.
Anche i flussi luminosi ed i dati illuminotecnici si basano su di una temperatura ambiente di 25°C. Per temperature diverse sono possibili degli scostamenti dai valori riportati nel catalogo.

I LED negli apparecchi ERCO

Oltre alle nostre condizioni generali di vendita e di consegna, valgono le condizioni sulla garanzia del produttore di 5 (cinque) anni liberamente offerta dalla ERCO GmbH sui prodotti ERCO. Le condizioni di garanzia attual mente vigenti sono disponibili su richiesta all’indirizzo email guarantee(at)erco.com

Newsletter ERCO – Progetti ispiratori, nuovi prodotti, fresche novità sulla luce

Abbonati alla newsletter
I vostri dati saranno trattati con la massima riservatezza. Per maggiori informazioni visitare Dichiarazione ERCO sul trattamento riservato dei dati personali