Vi invitiamo ad aggiornare il vostro browser.

Il suo Browser non supporta gli attuali standard del web. Per questo motivo si possono verificare degli errori di visualizzazione e dei comportamenti inattesi di questo sito. Per utilizzare questo sito senza problemi le consigliamo ai attualizzare il suo browser.

Vi invitiamo ad aggiornare il vostro browser.

Il suo Browser non supporta gli attuali standard del web. Per questo motivo si possono verificare degli errori di visualizzazione e dei comportamenti inattesi di questo sito. Per utilizzare questo sito senza problemi le consigliamo ai attualizzare il suo browser.

Oggetti della percezione

Il processo percettivo sceglie determinate zone in modo mirato

La percezione però non considera ogni oggetto del campo visivo senza distinzione; già la preferenza dell'area foveale, il fissare piccole diverse sezioni del campo visivo, mostra che il processo di percezione è mirato su determinate aree. Questa selezione non è evitabile, perché il cervello non è in grado di elaborare tutte le informazioni visive che provengono dal campo visivo; essa è tra l'altro sensata, perché non tutte le informazioni che possono essere lette dall'ambiente circostante sono di qualche interesse per il soggetto che le percepisce.

Attività

Attività

Attività

Attività

Area visiva (1), area visiva preferenziale (2) e campo visivo ottimale (3) di una persona in piedi e seduta, per compiti visivi in verticale.

Attività

Area visiva preferenziale per compiti visivi in orizzontale. Angolo visivo preferenziale 25°

L'area in cui le informazioni vengono rilevate in modo mirato deriva dall'attività che sta svolgendo il soggetto percettore. Tale attività può essere un determinato lavoro, un movimento continuato o qualsiasi altra attività per cui siano necessarie delle informazioni visive. Le caratteristiche dell'attività definiscono le condizioni dell'illuminazione che devono essere rispettate per poter eseguire in modo ottimale il compito visivo; si possono quindi definire in termini illuminotecnici le soluzioni ottimali per l'esecuzione di determinate attività.

Informazione

Informazione

Oltre alle necessità specifiche di informazione si ha un’ulteriore necessità di fondo di informazioni visive. Tale necessità di informazioni sorge dalle esigenze biologiche dell'uomo di informarsi sull'ambiente circostante. La gran parte delle informazioni necessarie è conseguenza delle esigenze di sicurezza, per poter valutare la presenza di possibili pericoli. Ciò vale anche per l'orientamento, per le conoscenze sulle situazioni metereologiche, sulle diverse fasi del giorno e su quanto accade nell'ambiente. Se mancano queste informazioni, ad esempio se si è in grandi edifici senza finestre, la situazione viene percepita come innaturale ed opprimente.

Sociale

Sociale

Nelle esigenze sociali dell'uomo si devono equilibrare le differenze nelle necessità, spesso tra loro contrastanti, che si creano quando le persone entrano in contatto tra loro e quando hanno una sfera personale delimitata. Sia dal tipo di attività che dalle necessità biologiche fondamentali derivano dei fattori fondamentali per la raccolta di informazioni visive. Le aree che sembrano fornire delle informazioni più rilevanti - sia per le aree in sé che per l'accentuazione con l'ausilio dell'illuminazione - vengono preferite nell'atto percettivo; in altre parole attirano l'attenzione. Il contenuto informativo di un oggetto è innanzitutto dipendente dalla sua capacità di essere selezionato come oggetto percepito. D'altra parte il contenuto informativo influenza anche il modo in cui un oggetto viene percepito e valutato.