Vi invitiamo ad aggiornare il vostro browser.

Il suo Browser non supporta gli attuali standard del web. Per questo motivo si possono verificare degli errori di visualizzazione e dei comportamenti inattesi di questo sito. Per utilizzare questo sito senza problemi le consigliamo ai attualizzare il suo browser.

Vi invitiamo ad aggiornare il vostro browser.

Il suo Browser non supporta gli attuali standard del web. Per questo motivo si possono verificare degli errori di visualizzazione e dei comportamenti inattesi di questo sito. Per utilizzare questo sito senza problemi le consigliamo ai attualizzare il suo browser.

Illuminare gli oggetti

Indirizzare l?attenzione sugli oggetti nell?ambiente

La luce orienta lo sguardo e focalizza l'attenzione sui dettagli. La direzione della luce, l'illuminamento e la distribuzione della luce determinano l'effetto suscitato da un oggetto immerso nel suo ambiente.

Orientamento della luce

Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce Orientamento della luce

Orientamento della luce

La luce orientata dal davanti genera una marcata modellazione. La luce dall'alto crea un'ombra dell'oggetto su se stesso. La luce da dietro ricalca la silhouette dell'oggetto. Più verticale è l'incidenza della luce, maggiore è l'effetto d'ombra.

Orientamento della luce Orientamento della luce

Più verticale è l'incidenza della luce, maggiore è l'effetto d'ombra. L'illuminazione degli oggetti può avvenire con un'angolazione della luce di 5°, di 45°, fino a una illuminazione perpendicolare. La direzione ottimale della luce per l'illuminazione degli oggetti è in genere di 30°. Si evitano così i riflessi troppo forti o la creazione di zone d'ombra indesiderate.

Illuminazione d'accento per la modellazione di oggetti in
- Musei
- Esposizioni
- Locali di vendita

Gruppi di apparecchi ideali
- Faretti
- Washer

Combinazione degli orientamenti della luce

Combinazione degli orientamenti della luce Combinazione degli orientamenti della luce Combinazione degli orientamenti della luce Combinazione degli orientamenti della luce Combinazione degli orientamenti della luce

Una unica luce d’accento genera una forte ombra sull’oggetto. La combinazione di diverse direzioni della luce compensa i forti contrasti di chiaro-scuro. Una forte luce d’accento da un lato dà all’oggetto una direzione principale. Completando la luce orientata da davanti con un’illuminazione da dietro si rendono visibili le strutture sul lato posteriore. La luce diffusa dall’alto fa apparire l’oggetto meno plastico che con la luce d’accento orientata.
Una luce d’accento fa apparire plasticamente gli oggetti. L’impiego di più faretti riduce i contrasti di chiaro-scuro sull’oggetto. Le strutture diventano così meglio leggibili. Un’illuminazione della stessa intensità da diversi lati determina una minore plasticità. La differenziazione dell’intensità luminosa in una luce principale intensa, una minore luce di fondo e un po’ di controluce genera un effetto equilibrato. Questo concetto di illuminazione fa apparire gli oggetti plasticamente e garantisce una buona leggibilità delle parti in ombra. Con la luce principale si può mettere in risalto una parte più importante. Se gli oggetti sono illuminati da tutti i lati, la controluce aiuta a rendere più leggibili le strutture sul retro dell’oggetto. La luce diffusa, ad es. da un soffitto luminoso, può anche compensare i contrasti di chiaro-scuro di una luce d’accento e far apparire gli oggetti più morbidi. Un’illuminazione ottenuta esclusivamente con una luce diffusa e non orientate non genera praticamente ombre e porta ad una minore plasticità.

Combinazione degli orientamenti della luce

Combinazione degli orientamenti della luce

L’ illuminazione principale cade lateralmente dal davanti sull’oggetto. L'illuminazione di riempimento proviene anch’essa dal davanti, ma dal lato opposto. Il controluce cade sull’oggetto da dietro. L’angolo ottimale d’inclinazione dell’oggetto rispetto alla verticale è di 30°. In questo modo si evitano riflessi troppo intensi o ombre indesiderate.

Si impiega l’illuminazione d’accento per modellare oggetti con una combinazione di orientamenti in
- musei
- esposizioni
- ambienti di vendita

Gruppi di strumenti preferiti
- faretti
- washer

Variare la distribuzione della luce

Variare la distribuzione della luce Variare la distribuzione della luce Variare la distribuzione della luce

I faretti a fascio stretto accentuano l‘oggetto e lo fanno emergere dall‘ambiente. Con una lente per sculture il cono luminoso viene ampliato e reso ovale. Le lenti Flood disperdono il cono luminoso a fascio stretto ed ottengono un tenue gradiente luminoso.
Più stretto è il fascio di luce che incide sull‘oggetto, maggiore è l‘effetto creato. Le lenti per sculture sono particolarmente adatte per illuminare gli oggetti in tutta la loro altezza. Le lenti Flood illuminano maggiormente l‘ambiente circostante con un cono di luce a fascio largo e rappresentano l‘oggetto nel suo contesto.

Illuminazione d'accento per la modellazione di oggetti in
- Musei
- Esposizioni
- Locali di vendita

Gruppi di apparecchi ideali
- Faretti con relativi accessori

Accentuare un oggetto

Accentuare un oggetto Accentuare un oggetto Accentuare un oggetto Accentuare un oggetto

Contrasto di luminosità

 

Gli oggetti e la parete sono soggetti all‘illuminazione di base dei wallwasher. I coni luminosi di singoli faretti accentuano gli oggetti. Un maggiore contrasto di luminosità accresce l‘accentuazione.
Con un contrasto di illuminazione di 1:2 tra ambiente e oggetto, il contrasto non viene quasi percepito. Per un rapporto di 1:5 si crea un contrasto minimo di illuminazione tra i punti di illuminazione primaria e secondaria. Con un contrasto di 1:10 la differenza diventa marcata. Un contrasto di luminosità di 1:100 stacca l‘oggetto in modo deciso dall‘ambiente e si può avere una suddivisione non intenzionale della parete.

Illuminazione d'accento di oggetti disposti sulle pareti impiegata in
- Musei
- Esposizioni
- Stand espositivi
- Locali di vendita