Vi invitiamo ad aggiornare il vostro browser.

Il suo Browser non supporta gli attuali standard del web. Per questo motivo si possono verificare degli errori di visualizzazione e dei comportamenti inattesi di questo sito. Per utilizzare questo sito senza problemi le consigliamo ai attualizzare il suo browser.

Vi invitiamo ad aggiornare il vostro browser.

Il suo Browser non supporta gli attuali standard del web. Per questo motivo si possono verificare degli errori di visualizzazione e dei comportamenti inattesi di questo sito. Per utilizzare questo sito senza problemi le consigliamo ai attualizzare il suo browser.

Case Study: Work

Progettazioni illuminotecniche a confronto

L’illuminazione degli uffici può essere al tempo stesso efficiente ed attraente?

Nei progetti per gli uffici gli stretti vincoli normativi e gli approcci di progettazione tradizionali con delle illuminazioni solamente uniformi e senza gerarchie delle percezioni si traducono in soluzioni luminose insoddisfacenti. Gli svantaggi sono la mancanza di una relazione con gli utilizzi degli spazi ed un ambiente nel complesso monotono. Al contrario dei concept illuminotecnici quantitativi, la progettazione illuminotecnica degli uffici orientata alla percezione si basa su di una suddivisione dell’ambiente in zone in funzione delle esigenze degli utenti.

Case Study: Work

Progettazione illuminotecnica qualitativa per gli uffici

L’illuminazione articolata per zone analizza i punti in cui l’utente ha bisogno della luce e quale tipo di luce gli serve: a parità di illuminamenti cilindrici, gli apparecchi ben schermati illuminano le postazioni di lavoro, offrono un buon comfort visivo ed una buona illuminazione dei volti. Le superfici verticali illuminate suscitano la sensazione di un ambiente luminoso e garantiscono dei contrasti di luminosità equilibrati per il lavoro al computer. L’illuminazione delle zone di passaggio centrali consente un comodo orientamento.

Case Study: Work

Progettazione illuminotecnica convenzionale per gli uffici

Al contrario dell’illuminazione suddivisa per zone, nella soluzione con una griglia regolare di apparecchi per un’illuminazione uniforme manca la relazione con i compiti visivi dell’utente. Con gli illuminamenti orizzontali uniformemente alti, per un’illuminazione adeguata aumenta il fabbisogno energetico. Inoltre l’assenza di contrasti rende l’ambiente indefinito ed affaticante.

Case Study: Work

Disposizione degli apparecchi nella progettazione illuminotecnica qualitativa

Per un’illuminazione d’ambiente suddivisa in zone ed efficiente dal punto di vista energetico si devono adeguare le posizioni degli apparecchi a quelle delle scrivanie. Per suscitare una sensazione di maggiore luminosità dell’ambiente i wallwasher si trovano sul lato frontale dell’ufficio. Nella zona di passaggio centrale si impiega invece un’illuminazione d’ambiente lineare con la distribuzione della luce oval flood.

Case Study: Work

Disposizione degli apparecchi nella progettazione illuminotecnica convenzionale

L’illuminazione con una griglia regolare di apparecchi rappresenta un compromesso tra le diverse esigenze di illuminazione di piani di lavoro, zone di passaggio e spazi dedicati alle conversazioni. Con l’ampia distribuzione della luce si genera una sensazione di monotonia dell’ambiente.

Case Study: Work

Conclusioni

L’efficacia di un’illuminazione a bassa manutenzione realizzata con i LED può essere ulteriormente migliorata con una progettazione suddivisa per zone. Con dei concept illumino-tecnici orientati alla percezione si può ridurre il fabbisogno energetico. Allo stesso tempo si genera un migliore comfort visivo e si rende l’ambiente più attraente.

Newsletter ERCO – Progetti ispiratori, nuovi prodotti, fresche novità sulla luce

Abbonati alla newsletter
I vostri dati saranno trattati con la massima riservatezza. Per maggiori informazioni visitare Dichiarazione ERCO sul trattamento riservato dei dati personali