Vi invitiamo ad aggiornare il vostro browser.

Il suo Browser non supporta gli attuali standard del web. Per questo motivo si possono verificare degli errori di visualizzazione e dei comportamenti inattesi di questo sito. Per utilizzare questo sito senza problemi le consigliamo ai attualizzare il suo browser.

Vi invitiamo ad aggiornare il vostro browser.

Il suo Browser non supporta gli attuali standard del web. Per questo motivo si possono verificare degli errori di visualizzazione e dei comportamenti inattesi di questo sito. Per utilizzare questo sito senza problemi le consigliamo ai attualizzare il suo browser.

Museu de Cultures del Món, Barcellona

Museu de Cultures del Món, Barcellona

Il Museu de Cultures del Món di Barcellona presenta in due tradizionali edifici catalani delle eccellenti opere dei popoli extraeuropei. Nell’illuminazione con gli apparecchi Optec e Pollux di ERCO l’arte e l’architettura sono valorizzate nella stessa misura.

La maschera di un totem dal Ghana, una statua di Buddha dalla Birmania ed un incensiere dal Guatemala. Una selezione di oggetti extraeuropei utilizzati per i rituali tipici o nella vita quotidiana, considerati degli ambiti oggetti da collezione sul mercato internazionale dell’arte. In confronto alle moderne opere occidentali sono però soggetti a regole diverse. Per lo più non si tratta di oggetti firmati e quindi non possono essere fatti risalire ad un determinato artista, il loro valore è quindi determinato per lo più dal prestigio delle collezioni delle quali hanno fatto parte in passato. Il Museu de Cultures del Món rende accessibile al pubblico le opere di molte rinomate istituzioni, come la Folch Foundation ed il Museo Etnologico di Barcellona.

Museu de Cultures del Món, Barcellona
Museu de Cultures del Món, Barcellona
Museu de Cultures del Món, Barcellona

Gli oggetti parlano delle diverse culture

Il Museu de Cultures del Món è una piattaforma per la conservazione, la presentazione e la divulgazione del patrimonio artistico e della conoscenza delle culture asiatiche, africane, americane ed oceaniche. L’esposizione permanente illustra una selezione di circa 500 opere, tra le quali un bastone "Apa´apai" della Polinesia, portato in Europa dal navigatore ed esploratore James Cook nel 18° secolo.

Ad essa si aggiungono le mostre temporanee, ad esempio quella sulle scritture e sul ruolo che esse hanno rivestito nelle rispettive culture. Nella zona di ingresso del museo si trova inoltre un’area liberamente accessibile nella quale si alternano delle presentazioni, ad esempio quella sul gioco delle ombre indonesiano Wayang Kulit.

Museu de Cultures del Món, Barcellona
Museu de Cultures del Món, Barcellona
Museu de Cultures del Món, Barcellona
Museu de Cultures del Món, Barcellona
Museu de Cultures del Món, Barcellona

Edifici secolari ambiziosamente ristrutturati

Il Museu de Cultures del Món è situato sulla Carrer de Montcada, una via nota per i suoi prestigiosi edifici storici. Ha sede nella Casa Nadal e nella Casa del Marquès de Llió, che vantano diversi secoli di storia. La Casa Nadal segue lo schema costruttivo di un palazzo medievale, con una corte interna, una galleria al primo piano ed una facciata con una torre. Per molti anni ha ospitato il Museo dell’Arte Pre-Colombiana Barbier-Mueller. La Casa del Marquès de Llió presenta la struttura di un’abitazione aristocratica dell’8° secolo, anch’essa con corte interna, galleria e torre, e con una scalinata rappresentativa. Per qualche tempo è stata la dimora del Museo del Design di Barcellona. Per allestire questi due enti per l’utilizzo attuale sono state necessarie delle estese misure di rinnovo e di ristrutturazione, tra le quali il restauro dei soffitti a cassettoni del 14° secolo e la costruzione degli elementi di collegamento tra i due edifici, fino ad oggi autonomi uno dall’altro.

Della progettazione illuminotecnica del Museu de Cultures del Món è stato incaricato Antonio Sainz dello studio Haz Luz 17 di Barcellona. La sfida principale consisteva nell’illuminare sia gli edifici storici che i pezzi in esposizione senza mettere in concorrenza l’architettura e l’arte. Questo obiettivo è stato raggiunto con gli apparecchi Optec e Pollux di ERCO, la cui luce può essere orientata con precisione grazie al sistema di lenti sviluppato dall’azienda. Inoltre le opere d’arte dovevano essere messe in scena in modo da consentire all’osservatore di immergersi nella loro contemplazione. I LED di ERCO garantiscono un’ottima resa cromatica e valorizzano quindi le sfumature dei colori e dei materiali dei pezzi da collezione. Non da ultimo, in esposizione vi sono dei preziosi oggetti storici che, per garantire la loro conservazione, possono essere esposti alla luce solo entro certi limiti. Qui risultano convincenti i LED, in quanto dotati di uno spettro luminoso che non contiene i dannosi raggi IR ed UV.

Illuminazione delle vetrine con la tecnologia LED

Museu de Cultures del Món, Barcellona

Come spesso accade nei musei archeologici ed etnologici, anche nel Museu de Cultures del Món molti oggetti sono collocati nelle vetrine. Per questo si deve ricorrere sia all’illuminazione d’ambiente che all’illuminazione d’accento dell’esposizione con dei faretti. Se l’illuminazione degli espositori avviene dall’esterno, sui loro vetri non si devono formare dei riflessi, nemmeno per la luce proveniente dalle finestre. Inoltre, ai fini della conservazione, le temperature nelle vetrine devono rimanere costanti.

Museu de Cultures del Món, Barcellona

Siccome negli apparecchi per LED di ERCO il calore viene fatto defluire all’indietro attraverso il corpo, essi sono perfetti per l’illuminazione di queste vetrine. I soffitti degli espositori possono essere usati per diffondere la luce, , utilizzando ad esempio un vetro satinato. Quando la luce di un faretto attraversa il materiale semitrasparente, nella vetrina si ha una combinazione di luce d’ambiente diffusa e di luce d’accento orientata. In questo modo nel Museu de Cultures del Món è messo ad esempio espressivamente in scena un gruppo di maschere africane.

Museu de Cultures del Món, Barcellona

Video sul Museu de Cultures del Món

Vi potrebbe interessare anche: