Monastero di Putna

Il monastero di Putna nella Bukovina: luogo gravido di storia e centro spirituale della Romania. L'illuminazione interna della chiesa del monastero è il primissimo progetto ERCO in Romania.

Il monastero di Putna nella regione romena della Bukovina è un importante centro storico e spirituale: qui è sepolto il principe Stefano il Grande, che i Romeni venerano come fondatore della nazione, e qui dalla fine del comunismo fiorisce di nuovo una vivace vita monastica con un numero crescente di monaci giovani e vecchi.

La generosità dei donatori permette al monastero di mantenere gli edifici in ottime condizioni, restaurarli come si conviene a un monumento e ampliarli. Sotto la voce di menu "Galleria immagini" troverete istantanee della vita monastica.

Sebbene il monastero sia stato fondato sotto il principe Stefano il Grande (1433-1504), la chiesa attuale risale agli anni 1653-1662 perché la costruzione originaria andò distrutta nel 1653. Gli affreschi all'interno risalgono a tempi molto più recenti: solo nel 2004, in occasione del 500° anniversario della morte di Stefano il Grande, si decise di adornare di nuovo pareti, volte e cupole secondo l'antica tradizione ortodossa.

Un'illuminazione scenografica dello spazio ecclesiastico che vada al di là del lampadario appeso è ancora fenomeno del tutto insolito nelle chiese romene. Come punti di montaggio invisibili per i faretti sono stati utilizzati capitelli, cornici e la catena del lampadario. La luce delle lampade ad alogenuri metallici è brillante e possiede un'elevata qualità di resa cromatica. Gli affreschi vengono così messi in evidenza ottimale, i fregi dorati acquistano uno sfavillio quasi magico.

La parte più sacra di una chiesa ortodossa rimane normalmente celata dietro l'iconostasi - ed è riservata a preti e monaci. In via eccezionale è stato permesso al nostro fotografo di riprenderla, ma senza mettervi piede. La volta dell'abside è adornata da un'Adorazione della Madre di Dio.

Le catene del lampadario tradizionale offrono una posizione ottimale per il montaggio dei faretti. Da qui possono essere diretti senza abbagliare sia sugli oggetti nello spazio che sulla volta.

L'intonaco della cripta, graffiato a rombi, attende la sua decorazione ad affresco. L'impegnativa opera pittorica richiederà ancora anni - ma il tempo, qui nel monastero, ha un significato diverso da fuori.

Questo primissimo progetto ERCO in Romania è stato curato dal nostro ufficio di Budapest insieme con la ProEnerg, un'impresa di Oradea per il commercio e l'installazione di materiale elettrico. Per una progettazione efficiente malgrado la grande distanza nello spazio, su un modello virtuale dell'interno della chiesa sono stati simulate e analizzate diverse concezioni di illuminazione con l'aiuto dei relativi set di dati degli apparecchi.

In questo modo i progettisti hanno trovato le posizioni ottimali per gli apparecchi, garantendo inoltre un montaggio quasi invisibile con interventi minimi sull'edificio.

Monastero di Putna
RO-727455 Putna
www.putna.ro

Progetto e installazione impianto elettrico:
ProEnerg, Oradea
www.proenerg.ro

Il progetto ha avuto il sostegno finanziario dei Continental Hotels in Romania.
www.continentalhotels.ro/

Newsletter ERCO - Progetti ispiratori, nuovi prodotti, fresche novità sulla luce

Abbonati alla newsletter
I vostri dati saranno trattati con la massima riservatezza. Per maggiori informazioni visitare Dichiarazione ERCO sul trattamento riservato dei dati personali
Il Lichtbericht digitale vi informa regolarmente e comodamente per e-mail sulle novità del mondo di ERCO. Vi teniamo aggiornati sugli eventi, sui premi, sulle ultime scoperte sulla luce, sui progetti, sui nuovi prodotti e sui reportage nel settore della luce e dell'architettura. L'abbonamento è gratuito e può essere disdetto in qualsiasi momento.