Kunstmuseum di Stoccarda

Il suo cubo in vetro conferisce accenti di architettura della luce al centro di Stoccarda. Ma anche nelle ampie gallerie sotterranee le condizioni sono ottimali, grazie alla tecnica di illuminazione e di comando della ERCO.

Il nuovo museo con il suo cubo in vetro conferisce un accento architettonico inconfondibile al cuore di Stoccarda. Chi ricorda ancora la situazione della „Kleiner Schlossplatz„ degli anni '70, con i suoi tunnel a più corsie e le passerelle pedonali sopraelevate, resterà stupefatto. Infatti il progetto vincitore e il suo contesto urbanistico di nuova concezione correggono e integrano in modo creativo gli invisi relitti della vecchia visione di una "città a misura d'auto". La cultura ritorna al centro della vita nella Königsstraße, strada dello shopping; cittadini e ospiti godono dal ristorante del museo un'ampia vista sul castello e sulla città.

La particolarità del progetto degli architetti berlinesi Hascher e Jehle è il caratteristico cubo in vetro, che contiene solo un quinto circa dei 5000 m² di superficie espositiva, ossia le sale delle mostre temporanee, il ristorante e l'atrio d'ingresso. La superficie espositiva rimanente, che presenta la collezione d'arte cittadina, si estende sotto terra sfruttando grandi sezioni del vecchio tunnel stradale. Di questo si ha veramente appena un sentore: le gallerie sui due piani si presentano luminose, ampie e ariose.

Architetti e progettisti illuminotecnici hanno saputo sfruttare abilmente le caratteristiche di riflessione della facciata. Mentre il cubo in vetro riflettente di giorno spicca nettamente nell'ambiente circostante a impronta commerciale, di notte si sviluppa un'immagine ben diversa.

L'involucro esterno diventa trasparente e permette allo sguardo di arrivare a un altro cubo all'interno. Qui sono ospitate le sale delle mostre temporanee. Le sue pareti rivestite in pietra calcarea sono illuminate a luce radente da speciali apparecchi perimetrali.

Nell'area della base i downlight per esterni producono tutto intorno all'edificio un invitante tappeto luminoso per integrarlo nel tessuto urbano.

Per l'accesso alla mostra temporanea e al ristorante sul tetto sono previste scale e passerelle tra il cubo e il "guscio" in vetro. Il flusso dei visitatori diviene quindi una decorazione in movimento nell'architettura stessa.

L'installazione luminosa dinamica dell'artista berlinese Andreas Schmid, con i suoi 334 tubi fluorescenti, costituisce l'elemento più vistoso che colpisce il visitatore nella rete dei sistemi che controllano l'illuminazione e gli impianti provvedendo a creare condizioni ottimali in tutto l'edificio. I moduli di programmazione ERCO sono tutti collegati in rete in questo sistema a base LON - dal ristorante all'atrio e alle gallerie. Il comando viene dato tramite Control Pads ERCO (foto sotto), che con il suo Touch Screen a colori consente di scegliere in tutta comodità le funzioni.

Le gallerie, a seconda dell'utilizzo e dell'ora, sono illuminate con elementi per soffitto luminoso combinati con downlight alogeni a bassa tensione. Anche in questo caso l'automazione è realizzata dal sistema di programmazione luminosa. Questo include l'enorme numero di 720 circuiti complessivi e costituisce quindi la più grande installazione di programmazione luminosa finora realizzata da ERCO.

La luce del giorno penetra dai lucernari in vetro nella fuga di ambienti lunga quasi 100 m che segue il percorso dell'ex tunnel stradale. La luce artificiale data da speciali apparecchi da incasso nella parete è comandata automaticamente e secondo le necessità dal sistema ERCO di programmazione.

I downlight garantiscono l'illuminazione generale senza abbagliamento nelle aree di circolazione e i binari elettrificati consentono di montare faretti e wallwasher supplementari per un adattamento flessibile alle esigenze espositive.

Kunstmuseum Stuttgart (Galleria della città di Stoccarda)

Kleiner Schlossplatz 1

70173 Stuttgart

www.kunstmuseum-stuttgart.de/



Contatti:

Telefono: +49 (0) 711 - 216 21 88

Fax: +49 (0) 711 - 216 78 20

info(at)kunstmuseum-stuttgart.de



Orari d'apertura:

Martedì, giovedì-domenica: ore 10 - 18

Mercoledì e venerdì: ore 10 - 21

Lunedì: chiusura



Architetto: Hascher Jehle Architektur, Berlino

www.hascher-jehle.de



Progettazione illuminotecnica: Peter Andres, Amburgo

www.andres-lichtplanung.de/



Progettisti illuminotecnici ed elettrici:

ibb Burrer & Deuring Ingenieurbüro GmbH, Ludwigsburg

www.ibb-burrer-deuring.de



Somma investita circa 67 milioni di €



13.000 m² lordi in pianta

11.249 m² netti in pianta

11.080 m² superfici utili



di cui:

4.450 m² superfici espositive

2.270 m² superfici tecniche

2.090 m² superfici di circolazione



Inizio costruzione marzo 2002

Apertura / inaugurazione marzo 2005



(Fonte dei dati: sito web degli architetti)

Newsletter ERCO - Progetti ispiratori, nuovi prodotti, fresche novità sulla luce

Abbonati alla newsletter
I vostri dati saranno trattati con la massima riservatezza. Per maggiori informazioni visitare Dichiarazione ERCO sul trattamento riservato dei dati personali
Il Lichtbericht digitale vi informa regolarmente e comodamente per e-mail sulle novità del mondo di ERCO. Vi teniamo aggiornati sugli eventi, sui premi, sulle ultime scoperte sulla luce, sui progetti, sui nuovi prodotti e sui reportage nel settore della luce e dell'architettura. L'abbonamento è gratuito e può essere disdetto in qualsiasi momento.