myERCO
myERCO
L’account gratuito myERCO consente di salvare articoli, realizzare elenchi di prodotto per progetti e richiedere dei preventivi. Agli utenti è inoltre garantito l’accesso senza limitazioni a tutto il materiale digitale ERCO presente nell’area download.
Lei ha raccolto articoli nell'elenco dei preferiti
Ambiente tecnico
Ambiente tecnico
Standard globale 220V-240V/50Hz-60Hz
Standard USA/Canada 120V/60Hz, 277V/60Hz
  • 中文

Vi mostriamo i nostri contenuti in lingua italiana. I dati sui prodotti sono visualizzati per un ambiente tecnico con 220V-240V/50Hz-60Hz.

Maggiore usabilità per voi
ERCO desidera offrirvi il miglior servizio possibile. A tal fine questo sito memorizza dei cookie. Continuando ad utilizzare il sito vi dichiarate d'accordo con l'utilizzo di questi cookie. Per maggiori informazioni potete leggere la nostra dichiarazione sulla tutela dei dati personali.
Brigantino a quattro alberi «Peking», Amburgo, Amburgo,

Soluzioni luminose su misura di ERCO per una leggenda della navigazione sui mari

Illuminazione del brigantino a quattro alberi «Peking»

Costruita ad Amburgo nel 1911 dall’armatore Blohm+Voss, la «Peking» ha doppiato ben 34 volte Capo Horn ed era adibita al trasporto di salnitro dal Cile alla Germania. Un tempo tra le navi mercantili a vela più grandi e veloci al mondo, questo leggendario «Flying P-Liner» è stato adesso sottoposto a un restauro intensivo. La «Peking» sarà utilizzata in futuro come attrazione visitabile a piedi del Deutsches Hafenmuseum (Museo portuale della Germania). Grazie alle soluzioni su misura di «ERCO individual», che catturano l’aspetto storico della nave con le loro tonalità, questo imponente brigantino a quattro alberi risplende sotto una nuova luce.

Introdotto dall’armatore F. Laeisz agli inizi del XX secolo, questo tipo di nave è diventato famoso con il nome «Flying P-Liner». Le navi mercantili in acciaio Flying P-Liner hanno solcato i mari di tutto il mondo, rivelandosi dei mezzi a vela molto veloci e affidabili. La «Peking» faceva spola tra Amburgo e il Cile, passando per l’Atlantico, per portare in Germania il salnitro da impiegare nell’industria e nell’agricoltura. Nel corso dei suoi viaggi avventurosi, fino al 1932 il brigantino aveva già doppiato Capo Horn ben 34 volte. Successivamente venne riconvertita in nave scuola per giovani nella cittadina inglese di Upnor, sul fiume Medway.

Brigantino a quattro alberi «Peking», Amburgo

Dal 1974, la nave è stata ancorata al molo dello Southstreet Seaport Museum di New York, dove, purtroppo, negli ultimi anni ha versato in pessime condizioni. Con il suo profondo restauro, durato ben tre anni, la fondazione Stiftung Hamburg Maritim si è posta l’obiettivo di conservare questo storico veliero, facendone un monumento galleggiante. L’aspetto esterno della «Peking» doveva essere portato nuovamente allo stato in cui si presentava quando affrontò l’ultima traversata con il suo carico di salnitro. Nella sua rinnovata veste doveva attraccare ad Amburgo come attrazione principale del Deutsches Hafenmuseum.

Brigantino a quattro alberi «Peking», Amburgo

Presentazione spettacolare: le stive simili a capannoni e le spettacolari sovrastrutture del veliero

Con il suo scafo slanciato in acciaio, largo solo 14 metri e lungo ben 115 metri, la «Peking» era considerata un capolavoro di tecnologia dei suoi tempi e poteva vantare una capacità di carico fino a 5000 tonnellate. I visitatori del Deutsches Hafenmuseum potranno adesso salire a bordo dello scafo, attraverso l’aggiunta di due nuove scale a torre e un ascensore in vetro. Una volta saliti a bordo, potranno ammirare l’imponente stiva e la sua estensione lungo il fondo interno e l’interponte.

Brigantino a quattro alberi «Peking», Amburgo

A presentare il fondo interno alto sei metri ci pensano dei faretti LED Pollux, con distribuzione della luce wide flood (circa 50°) e la loro illuminazione uniforme. I faretti Pollux enfatizzano l’ambiente simile a un capannone con la loro illuminazione di atmosfera, facendo sentire a loro agio i visitatori della nave. Anche nell’interponte, posizionato sopra il fondo interno, i faretti LED Pollux forniscono illuminazione uniforme. Tutti i faretti sotto coperta sono installati su binari elettrificati e possono essere orientati in modo flessibile per adattarsi a mostre future o evidenziare un pezzo d’esposizione, grazie alla sostituzione delle ottiche intercambiabili.

Brigantino a quattro alberi «Peking», Amburgo

Le scale a torre e i boccaporti della «Peking» vengono messi in mostra con un’illuminazione bianco neutro, a fascio molto stretto e molto intenso, imitando così la luce naturale del sole che si insinua nelle aree interne del ponte.

Brigantino a quattro alberi «Peking», Amburgo

I potenti faretti Parscan illuminano le due nuove scalinate che conducono i visitatori sotto coperta. La tonalità di luce bianco neutro 4000K imita l’incidenza di luce diurna naturale.

L’illuminazione ERCO trasforma la nave museo stessa in un pezzo d'esposizione

I colori principali della «Peking» sono il nero, il bianco, il giallo e il marrone. Tutti i proiettori per ambiente esterno Kona in corrispondenza dello scafo, del ponte e del sartiame sono stati personalizzati su questa scala cromatica. Gli apparecchi di illuminazione, con dimensioni, potenze e distribuzione della luce diverse, si integrano così perfettamente nella struttura dello storico mercantile a vela e si nascondono quanto più possibile.

Sparsi tra il sartiame della «Peking», composto da quattro alberi e un totale di 18 pennoni, si trovano gli apparecchi Kona nella colorazione giallo scopa, in tinta con la verniciatura gialla della struttura in acciaio corrispondente. Su ogni albero sono installati quattro proiettori Kona rivolti verso il basso (2x48W e 2x24W), che illuminano le aree aperte del ponte con la loro distribuzione della luce flood. Ogni albero è dotato di supporti, le cosiddette crocette. I tre alberi principali dispongono di due crocette ciascuno, mentre l’albero minore ne ha una sola. Al di sopra di ogni crocetta sono posizionati tre Kona uplight da 24W e distribuzione della luce spot, che dirigono la loro luce in verticale.

Brigantino a quattro alberi «Peking», Amburgo
Brigantino a quattro alberi «Peking», Amburgo
Brigantino a quattro alberi «Peking», Amburgo

In prossimità delle battagliole sul ponte di coperta e sul ponte di comando della «Peking» sono stati installati dei proiettori Kona (24W LED), con distribuzione della luce oval flood (circa 20° x 60°). Incassati nell’acciaio del parapetto di murata, questi proiettori presentano il cordame e le funi delle sartie con grande effetto. Grazie al servizio «ERCO individual», i proiettori sono stati verniciati nella stessa tonalità marrone rossiccio delle battagliole.

Lungo il parapetto verniciato di bianco sono stati installati dei proiettori LED Kona con potenza elevata (72W), mentre il corpo degli apparecchi è dotato di una verniciatura speciale in RAL 9010 Bianco puro. Con la loro distribuzione della luce extra wide flood (80°) illuminano l’intero sartiame, incluse le componenti orizzontali, lungo un’altezza complessiva di ben 50 metri. Questa presentazione, nella tonalità di luce bianco caldo 3000K, permette alle sovrastrutture dello storico veliero di brillare di fronte al cielo notturno, come se stessero risplendendo di una luce propria giallo-oro.

Brigantino a quattro alberi «Peking», Amburgo
Brigantino a quattro alberi «Peking», Amburgo

La «Peking» non solcherà mai più i mari del mondo, ma sarà ancorato davanti al Deutsches Hafenmuseum come oggetto d’esposizione visitabile. Gli apparecchi di illuminazione per spazi esterni devono comunque essere in grado di resistere ad agenti atmosferici severi. La tecnica di verniciatura speciale di ERCO garantisce la resistenza della superficie alla corrosione e a tutte le intemperie. I proiettori possiedono il grado di protezione IP65 e, pertanto, sono a tenuta di polvere e protetti contro i getti d’acqua provenienti da qualsiasi direzione. L’affidabilità nel tempo dei LED a zero manutenzione è particolarmente interessante per le aree degli alberi difficili da raggiungere.

Brigantino a quattro alberi «Peking», Amburgo

Au sujet de l’auteure :

Kristina Raderschad gestisce dal 2005 un ufficio redazionale a Colonia. Formatasi come ingegnere d'interni, le sue relazioni, i suoi articoli e le sue interviste su architettura e design sono pubblicati in tutto il mondo, su riviste come AD Architectural Digest, ATRIUM, ELLE DECORATION, HÄUSER, AIT o WALLPAPER*.

Apparecchi usati

Avete in programma un progetto simile?

Saremo lieti di offrirvi la nostra consulenza nella progettazione illuminotecnica e nella scelta dei prodotti adatti.

Qui potete contattare il vostro referente regionale:

{{fon}}

Potete inviarci anche una e-mail o porre la vostra richiesta direttamente qui

 loadericon

I vostri dati saranno trattati con la massima riservatezza. Per maggiori informazioni visitare Dichiarazione ERCO sul trattamento riservato dei dati personali.

Vi potrebbe interessare anche:

Newsletter ERCO - Progetti ispiratori, nuovi prodotti, fresche novità sulla luce

Abbonati alla newsletter
I vostri dati saranno trattati con la massima riservatezza. Per maggiori informazioni visitare Dichiarazione ERCO sul trattamento riservato dei dati personali
Il Lichtbericht digitale vi informa regolarmente e comodamente per e-mail sulle novità del mondo di ERCO. Vi teniamo aggiornati sugli eventi, sui premi, sulle ultime scoperte sulla luce, sui progetti, sui nuovi prodotti e sui reportage nel settore della luce e dell'architettura. L'abbonamento è gratuito e può essere disdetto in qualsiasi momento.