The Twist / Kistefos Museum, Norwegen, , Norvegia

Scultura, ponte e spazio espositivo – The Twist / Kistefos Museum, Norwegen

Strumenti di illuminazione a LED ERCO nella nuova struttura museale «The Twist» di Bjarke Ingels

Nato da un’idea degli architetti dello studio BIG, l’edificio si slancia con un movimento plastico e ricurvo per congiungere gli argini del fiume Randselva, nel parco delle sculture a Kistefos, in Norvegia. Con il suo guscio esterno in lamiera d’alluminio anodizzata, la struttura stessa diventa scultura. «The Twist» contiene al suo interno degli spazi espositivi, in cui si avvicendano opere d’arte sempre diverse, illuminate in modo moderno e flessibile dai faretti e wallwasher con lenti Parscan di ERCO.

A circa un’ora di macchina da Oslo, su un appezzamento idilliaco, con colline alberate e una storica fabbrica di cellulosa sul fiume Randselva, l’uomo d’affari e il collezionista d’arte Christen Sveaas ha inaugurato nel 1999 il parco delle sculture Kistefos. Oggi il parco delle sculture è considerato il più importante esempio del suo genere in tutta la Scandinavia e comprende 46 opere d’arte di artisti/-e norvegesi e internazionali, tra cui Tony Cragg, Olafur Eliasson e Anish Kapoor. La nuova struttura inaugurata nel settembre del 2019, «The Twist», è stata ideata dagli architetti dello studio BIG Bjarke Ingels Group e arricchisce l’area di uno spazio espositivo dall’architettura fuori dal comune.

Questo parallelepipedo ritorto al centro di 90° e largo 60 metri si allunga dalla sponda più bassa a sud fino alla sponda più alta a nord. Oltre a fungere da ponte, la struttura è una galleria d’arte con 3 spazi espositivi da 1.000 metri quadrati complessivi: un ambiente è dotato di una facciata in vetro integrale con una visuale panoramica profonda verso il paesaggio, un altro ambiente è alto nove metri e privo di luce diurna, mentre l’ambiente «Twist» collega i due spazi e dà il nome alla struttura. Nella parte ritorta tutto viene messo sottosopra: le pareti rispetto al pavimento o al soffitto e viceversa; l’ampia vetrata della North Gallery viene riportata e diventa un sottile lucernario a terminale conico.

The Twist / Kistefos Museum, Norwegen
The Twist / Kistefos Museum, Norwegen

«Nel suo ruolo di museo, «The Twist» unisce due ambienti diametralmente opposti: una galleria verticale senza luce diurna e una galleria orizzontale con una finestra panoramica» spiega Bjarke Ingels, architetto e fondatore dello studio BIG Bjarke Ingels Group.

The Twist / Kistefos Museum, Norwegen

Faretti e wallwasher con lenti Parscan ERCO: gli strumenti di illuminazione ideali per l’architettura e l’arte

Gli architetti sono partiti dal presupposto di dare agli ambienti, all’interno di una struttura così complessa, un aspetto quanto più omogeneo possibile, tagliando qualsiasi dettaglio superfluo che potesse distrarre l’attenzione dalle opere d’arte. Le pareti, i soffitti e i pavimenti sono, quindi, stati verniciati di bianco. Tutta la tecnologia si «nasconde» agli occhi degli spettatori dietro il rivestimento delle pareti e dei soffitti in listelli di legno bianchi, che richiamano anche un genere di costruzione molto tipico della Norvegia. Il sistema di illuminazione è composto da faretti e wallwasher con lenti Parscan bianchi montati su binari elettrificati bianchi, che, a loro volta, sono incassati in fessure all’interno del rivestimento, ottenute con una fresatura di precisione, tanto da diventare parte integrante degli interni. I faretti Parscan possono essere dotati di ottiche diverse e possono, pertanto, essere adattati con flessibilità alle opere d’arte che si avvicendano nelle diverse esposizioni. I wallwasher con lenti Parscan sono, invece, stati montati su binari particolarmente corti: «questa soluzione ci consente di assicurarci, che non si spostino mai in una posizione sbagliata» afferma la lighting designer Thea Collett dello studio norvegese Light Bureau.

The Twist / Kistefos Museum, Norwegen

«Oggigiorno, nel mondo dell’arte tutti ricercano un’illuminazione quanto più omogenea possibile» afferma la lighting designer Thea Collett di Light Bureau. «Gli architetti di «The Twist» erano alla ricerca di apparecchi che potessero illuminare completamente gli spazi espositivi, mantenendo comunque un effetto luminoso molto omogeneo. Per questa ragione abbiamo scelto il wallwasher con lenti Parscan, affiancandovi dei faretti Parscan installati in modo discreto, garantendo alle opere d’arte un tocco di luce in più.»

Nella loro interazione con l’illuminazione generale funzionale integrata nel soffitto del museo, gli strumenti di illuminazione a LED ERCO selezionati illuminano gli ambienti e gli oggetti in essi contenuti in modo praticamente uniforme, nonostante sui pezzi d'esposizione stessi venga diretta relativamente poca luce. «Nel nostro approccio olistico al concept di illuminazione, l’architettura spettacolare, l’arte in essa esposta e l’uomo sono messi sullo stesso piano» spiega Morten Jensen, Country Manager dello studio norvegese Light Bureau. «Con la scelta della tonalità di luce bianco neutro 4000K, siamo riusciti ad ottenere un’illuminazione ottimale per gli ambienti espositivi. Ponendo maggiore attenzione all’illuminazione diffusa delle pareti, abbiamo ottenuto un effetto luminoso quanto più uniforme possibile, che, al contempo, sottolinea l’architettura in maniera eccezionale. I faretti scelti e direzionati con attenzione rendono le trame, le forme e i colori dei pezzi d'esposizione vividi».

The Twist / Kistefos Museum, Norwegen

Il vero e proprio «Twist», la parte centrale ritorta tra i due ambienti espositivi a nord e sud nell’edificio, custodisce anch’esso pezzi d'esposizione. Le opere vengono qui illuminate da faretti Parscan, con lenti Spherolit spot o flood, montati su binari elettrificati nascosti nel rivestimento di legno degli ambienti interni.

The Twist / Kistefos Museum, Norwegen

I wallwasher Parscan con pacchetti di lumen elevati illuminano lo spazio espositivo a sud e i suoi quasi nove metri di altezza, mentre i faretti Parscan forniscono luce aggiuntiva alle opera d’arte.

La decisione di optare per faretti e wallwasher con lenti Parscan per il nuovo museo non è stata presa soltanto per le soluzioni illuminotecniche precisi e flessibili, bensì anche per la loro capacità di mettere l’architettura e l’arte al centro dell’attenzione. L’elevata schermatura offerta dagli apparecchi scelti garantisce ai visitatori un elevato comfort visivo. Gli apparecchi sono, inoltre, disponibili con pacchetti di lumen elevati (2779lm), come si può osservare nell’illuminazione verticale della galleria sud e i suoi ben nove metri di altezza. Non per ultimo, i prodotti ERCO hanno conquistato il cuore degli lighting designer e degli architetti di «The Twist» dal punto di vista estetico: il loro design minimalista e la forma di base cilindrica e sobria consentono ai diversi tipi di apparecchio della gamma Parscan di presentarsi in maniera unitaria e discreta all’interno di spazi espositivi spettacolari.

The Twist / Kistefos Museum, Norwegen
The Twist / Kistefos Museum, Norwegen

Au sujet de l’auteure :

Kristina Raderschad gestisce dal 2005 un ufficio redazionale a Colonia. Formatasi come ingegnere d'interni, le sue relazioni, i suoi articoli e le sue interviste su architettura e design sono pubblicati in tutto il mondo, su riviste come AD Architectural Digest, A&W, ELLE DECORATION, HÄUSER, MARK o WALLPAPER*.

Apparecchi usati

Avete in programma un progetto simile?

Saremo lieti di offrirvi la nostra consulenza nella progettazione illuminotecnica e nella scelta dei prodotti adatti.

Qui potete contattare il vostro referente regionale:

{{fon}}

Potete inviarci anche una E-Mail o porre la vostra richiesta direttamente qui

 

I vostri dati saranno trattati con la massima riservatezza. Per maggiori informazioni visitare Dichiarazione ERCO sul trattamento riservato dei dati personali.

Vi potrebbe interessare anche:

Newsletter ERCO - Progetti ispiratori, nuovi prodotti, fresche novità sulla luce

Abbonati alla newsletter
I vostri dati saranno trattati con la massima riservatezza. Per maggiori informazioni visitare Dichiarazione ERCO sul trattamento riservato dei dati personali
Il Lichtbericht digitale vi informa regolarmente e comodamente per e-mail sulle novità del mondo di ERCO. Vi teniamo aggiornati sugli eventi, sui premi, sulle ultime scoperte sulla luce, sui progetti, sui nuovi prodotti e sui reportage nel settore della luce e dell'architettura. L'abbonamento è gratuito e può essere disdetto in qualsiasi momento.