Guida - Illuminazione di ambienti interni - Illuminazione base

Vi invitiamo ad aggiornare il vostro browser.

Il suo Browser non supporta gli attuali standard del web. Per questo motivo si possono verificare degli errori di visualizzazione e dei comportamenti inattesi di questo sito. Per utilizzare questo sito senza problemi le consigliamo ai attualizzare il suo browser.

Vi invitiamo ad aggiornare il vostro browser.

Il suo Browser non supporta gli attuali standard del web. Per questo motivo si possono verificare degli errori di visualizzazione e dei comportamenti inattesi di questo sito. Per utilizzare questo sito senza problemi le consigliamo ai attualizzare il suo browser.

Illuminazione base

Prevedere una luce per vedere

L´illuminazione base con un´ampia distribuzione della luce consente la percezione e l´orientamento sui piani orizzontali. Che sia diretta o indiretta, crea una luce orientata o diffusa per illuminare le superfici di lavoro o le aree di passaggio.

diretta orientata

Una illuminazione base diretta e orientata crea un´illuminazione omogenea sulle superfici utili orizzontali. Ciò consente l´orientamento ed il lavoro in un locale. L´architettura diventa visibile.

La luce orientata crea una buona modellazione e brillantezza. L'uniformità sul piano utile cresce all'aumentare dell'altezza dell'ambiente o all'ampiezza dell'angolo di distribuzione della luce. La luce orientata consente una buona percezione delle forme e delle strutture delle superfici. Il comfort visivo aumenta al crescere dell'angolo di abbagliamento. L'illuminazione diretta si contraddistingue per la sua efficienza energetica. Nei luoghi di lavoro si deve fare attenzione agli abbagliamenti dovuti alla riflessione.

diretta diffusa

Un´illuminazione base diretta e diffusa denota un´illuminazione omogenea su di una superficie utile orizzontale. Ciò consente l´orientamento ed il lavoro in un locale. L´architettura diventa visibile.

La luce diretta e diffusa crea un´illuminazione morbida, con poche ombre e riflessi. La formazione ridotta di ombre crea una scarsa modellazione. Le forme e le strutture delle superfici sono poco accentuate.

diretta diffusa

Un’illuminazione base diretta e diffusa denota un’illuminazione omogenea su di una superficie utile orizzontale. Ciò consente l’orientamento ed il lavoro in un locale. L’architettura diventa visibile.
La luce diretta e diffusa crea un’illuminazione morbida, con poche ombre e riflessi. La formazione ridotta di ombre crea una scarsa modellazione. Le forme e le strutture delle superfici sono poco accentuate.

Illuminazione base diretta e diffusa per
- Spazi di lavoro
- Sale multifunzionali
- Musei
- Esposizioni
- Zone di traffico
Gruppi di apparecchi preferiti:
- Strutture luminose
- Downlight
- Apparecchi da parete
- Soffitti luminosi

indiretta

Una illuminazione base indiretta utilizza i soffitti, le pareti o altre superfici come riflettori secondari. L´illuminazione delle superfici che delimitano uno spazio infondono la sensazione di trovarsi in un ambiente aperto.

Con una luce diffusa si ha una formazione di ombre limitata ed una modellazione contenuta. Le forme e le strutture delle superfici non vengono accentuate. Con un'illuminazione esclusivamente indiretta si ha una differenziazione degli ambienti limitata. In confronto all'illuminazione diretta è necessario un flusso luminoso decisamente superiore per ottenere gli stessi illuminamenti sui piani di lavoro. Il riflettore secondario dovrebbe inoltre avere un grado di riflessione elevato. Si previene completamente l'abbagliamento dovuto ai riflessi o diretto.

indiretta

Una illuminazione base indiretta utilizza i soffitti, le pareti o altre superfici come riflettori secondari. L’illuminazione delle superfici che delimitano uno spazio infondono la sensazione di trovarsi in un ambiente aperto.
La luce diffusa riduce la formazione di ombre ma anche la modellazione. Le forme e le strutture delle superfici sono poco accentuate. Con la sola illuminazione indiretta si ha una ridotta differenziazione degli spazi. In confronto con l’illuminazione diretta, è necessario un flusso luminoso molto maggiore per ottenere gli stessi illuminamenti sulle superfici utili. Il riflettore secondario dovrebbe presentare un elevato grado di riflessione. L’abbagliamento diretto ed indiretto sono sostanzialmente esclusi.

La condizione per una distribuzione omogenea della luce è un´altezza sufficiente del locale. L´illuminazione indiretta va montata al di sopra dell´altezza degli occhi. La distanza dal soffitto dipende dalla misura dell´omogeneità necessaria e dovrebbe essere almeno di 0,8 m.
Illuminazione base indiretta per
- Spazi di lavoro
- Sale multifunzionali
- Zone di traffico
Gruppi di apparecchi preferiti
- Strutture luminose
- Uplight

diretta e indiretta

illuminazione base diretta/indiretta indica una combinazione di illuminazione diretta ed indiretta sulle superfici utili orizzontali. Il soffitto o la parete servono da superfici riflettenti. L´illuminazione delle superfici che delimitano uno spazio infondono la sensazione di trovarsi in un ambiente aperto.
L´uniformità sulla superficie utile aumenta all´aumentare dell´altezza del locale. La luce orientata consente una buona percezione di forme e strutture delle superfici. Il riflettore secondario dovrebbe presentare un elevato grado di riflessione. L´uniformità sul soffitto aumenta all´aumentare della distanza degli apparecchi dal soffitto stesso. Un´illuminazione base con lampade fluorescenti si contraddistingue per la sua efficienza energetica.

Illuminazione base diretta/indiretta per
- Spazi di lavoro
- Sale multifunzionali
- Zone di traffico
Gruppi di apparecchi preferiti:
- Strutture luminose
- Pendeldownlight

Progetti su questo tema della guida

Newsletter ERCO – Progetti ispiratori, nuovi prodotti, fresche novità sulla luce

Abbonati alla newsletter
I vostri dati saranno trattati con la massima riservatezza. Per maggiori informazioni visitare Dichiarazione ERCO sul trattamento riservato dei dati personali